Pinot Grigio Collio DOC, 2016, Ronco Blanchis

Good morning Ladies and Gentleman!

I would like to start in this way because today it’s the Thanksgiving…enjoy and eat a lot!

Sono un po’ un americano mancato e mi piaceva iniziare così, ma bando alle ciance e fatemi subito ricatapultare ( dopo diversi giorni di assenza ) nel bel mezzo della mia passione, che in questo periodo, causa diverse vicissitudini, è stata riposta in un cassetto.

Stasera saliamo a nord, al confine, precisamente in provincia di Gorizia, zona di grandi vini, denominata Collio,  e quello di stasera ha tutte le credenziali per esserne parte.

Vorrei condividere con voi, le sensazioni che mi sta trasmettendo questo Pinot Grigio in purezza dell’azienda Ronco Blanchis.

EYES è li che mi aspetta e mi sembra maleducazione farlo attendere. Verso il vino nel bicchiere e già dal colore, un giallo paglierino intenso, mi aspetto freschezza ; sapidità e vivacità in tutti i sentori.

Come resistere e non passare a NOSE? Impossibile! Faccio volteggiare il nettare nel bicchiere e poi lo avvicino al naso. Spettacolare. Un bouquet favoloso. I profumi entrano decisi e netti nelle narici. Si sente la mela verde, la pera, l’ananas ma non è solo frutti. Ci sono dei gran bei fiori bianchi che si mixano spettacolarmente con un tocco di erbaceo. Riavvicino il bicchiere al naso e mi vien da pensare che in bocca si possa godere di una sapidità e mineralità molto interessanti.

Mi pare doveroso dover passare a TASTE senza ulteriori indugi. Ed eccolo là, che entra austero e diretto senza alcun tipo di indugio. Qui è come mordere un grappolo di quest’uva e assaporarne la prelibatezza, perchè l’acciaio va ad esaltare il frutto e il lavoro fatto in vigna. Bellissimo. Sapidità e mineralità spaventose, ma quello che mi impressiona in maggior modo è la sua lunghezza, non finisce mai. Lo trovo anche preciso in bocca, non squilibrato con le sue durezze al punto giusto atte ad esaltare un lavoro minuzioso in vigna ( lo so, mi ripeto ma è così, provare per credere ).

Siamo già giunti, mio malgrado, a GLOBAL e lasciatemi dire che mai come stasera sono combattuto sull’assegnazione della medaglia d’oro, è una lotta serratissima tra TASTE e NOSE. Si perchè se NOSE mi ha subito stupito, TASTE ha confermato tutto quello di buono che avevo sentito. Non me la sento di fare un torto a nessuno dei due e quindi assegno il primo posto ad ex aequo.

Concludiamo con MEETING as usual. Sarò spartano e casereccio ma io lo vedrei splendidamente con un uovo al tegamino ( guai a voi se fate assodare il rosso ) condito da scaglie di tartufo. Pane fresco in quantità industriale per godere della santissima scarpetta e un bel formaggio stagionato se ho ancora fame.

Direi che anche stasera ho potuto godere di una splendida prelibatezza. Vi invito vivamente ad assaggiarlo e qui di seguito vi linko la pagina che l’azienda dedica a questo vino ( https://www.roncoblanchis.it/pinot-grigio/ ) così vi potete approfittarne anche per dare un’occhiata anche agl’altri vini da loro prodotti.

Giuro che ritorno presto e non sto tutto questo tempo senza scrivere, promesso!

A presto!

Notte

mde

 

Annunci