San Luigi 2016, Dogliani DOCG Marziano Abbona

dav

Buona Sera!

Eccomi qua, in una serata da babbo single di un fine settimana da single,  a chiacchierare con voi di un vino consigliatomi da un collega che spesso capita nelle Langhe ed acquistato insieme ad altri della famiglia Abbona per fare dei regali di Natale.

Noi Toscani siamo cresciuti con il Sangiovese a tutti i costi o quasi e per farci capire che c’è anche dell’altro nel mondo spettacolare del vino penso ci sian voluti anni ed anni!

Ma veniamo al vino che ho deciso di assaggiare questa sera.

Iniziamo come di consueto dal mio amico EYE. Il San Luigi si presenta di un deciso colore viola rubino e che lo rende denso e molto poco penetrabile al centro e con un finale violetta sui bordi. Mi piace perchè i fantastici 4 che seguiranno confermano in pieno quando di buono si vede. Lasciatemi dire che è una bellezza veder lacrimare questo bicchiere con una lentezza così dolce, segno, a mio parere, di un vino fatto come si deve.

Passiamo a NOSE che mi catapulta immediatamente in un bosco di alta collina a passeggiare su un sentiero, meglio se in autunno. Si, perchè ritrovo tutti quei sottobosco che tanto mi piacciono in un vino rosso. La mora, il mirtillo, il lampone. Quei frutti che raccogli con le tue mani in una mattinata fredda e nebbiosa e che appena morsi ti danno un sentore acidulo ma che poi sprigionano tutta la sua dolcezza. Direi che oltre dei frutti a bacca rossa ben definiti non si va ma per me è giusto così, perchè chiedere troppo? Non deve essere un vino da meditazione.

Ed eccoci a TASTE. I primi due fantastici si ripercorrono completamente nel terzo, ci aggiungerei una spiccata ciliegia insieme ad una grande freschezza e prontezza. In bocca entra senza tanti fronzoli e presenta quella sua secchezza che si risente anche in gola lasciando una bocca piacevolmente sapida. Vino che non ti farebbe mai dire di no e che ti concede sempre di fare scelte azzeccate perchè con questa sua freschezza è difficile non azzeccare un abbinamento!

Il GLOBAL  direi che mi fa pendere senza tanti dubbi verso TASTE perchè è proprio in bocca che questo vino da uno scatto deciso, valido anche visivamente e olfattivamente ma questa freschezza che lo rende voglioso veramente mi ha stupito.

Finisco con il MEETING. A conferma di quanto scritto prima, io stasera il San Luigi l’ho bevuto insieme ad una arista al forno ( sapientemente cucinata dalla mamma ) e ad un contorno di pisellini e vi dico che ci stava davvero bene…si perchè mi toglieva quell’eccessivo dolciastro dei pisellini che dopo un po’ stucca e non sormontava la carne che riusciva comunque a farsi notare. Consigliato vivamente, da provare soprattutto anche per il rapporto qualità prezzo.

Spero che queste poche righe vi abbiano incuriosito e vi abbiano invogliato a provarlo e qui di seguito trovate il link dell’azienda ( http://www.abbona.com/ ) e la scheda tecnica del San Luigi San-Luigi-2016.

A presto, buona serata e buon weekend a tutti!

Annunci